Cilindro porta blindata: alcuni trucchi per sostituirlo correttamente

Vi sono diversi motivi per cui si rende necessario sostituire il cilindro di una porta blindata:

  • a causa della rottura o del malfunzionamento del meccanismo, ad esempio in seguito a un furto che ha danneggiato la porta;
  • la necessità di cambiare chiave perché quella precedente è stata persa o rotta;
  • la necessità di cambiare la serratura, per passare a una più sicura e moderna, come ad esempio le porte blindate a cilindro europeo.

Qualsiasi sia il tipo di serratura di cui dispone la porta blindata, nella maggior parte dei casi il cambio del cilindro consiste in un’operazione abbastanza semplice e veloce che, con i dovuti accorgimenti, non necessita per forza dell’intervento di un professionista.

Strumenti necessari per cambiare il cilindro della porta blindata

Per cambiare un cilindro generalmente sono sufficienti:

  • un cacciavite a taglio e uno a croce;
  • un metro per misurare precisamente le misure del cilindro da cambiare;
  • un cilindro nuovo, che abbia la stessa forma e la stessa dimensione di quello vecchio.

Fase 1: togliere il cilindro vecchio

Per riuscire a togliere il vecchio cilindro ci sono alcuni semplici passaggi da seguire:

  • assicurarsi innanzitutto che siano tolte tutte le mandate della serratura, perché alcune porte blindate sono dotate un meccanismo che blocca automaticamente i pistoni della serratura se si tenta di togliere il cilindro quando le mandate non sono rimosse;
  • togliere la vite di bloccaggio: innanzitutto è necessario procedere, con il cacciavite, a svitare e togliere la vite di bloccaggio che tiene fermo il meccanismo;
  • se è presente una mostrina, smontarla. Se la porta presenta un pomello, invece di una chiave, sarà necessario togliere prima anche quello. In alternativa, smontare la maniglia, che di solito viene fissata alla porta blindata con delle viti di piccole dimensioni;
  • sfilare il cilindro: è possibile che questo non avvenga facilmente, in particolare se la serratura dispone di un nottolino antisfilamento. In questo caso, bisogna prima infilare la chiave e girarla leggermente per cercare di allinearlo con il meccanismo della serratura e con il cilindro. Di solito si consiglia di procedere con movimenti lenti, iniziando con una rotazione di 15°.
  • solo quando il meccanismo risulta allineato è possibile iniziare a tirare, con un po’ più di forza, fino a quando non si sente che il cilindro inizia a sfilarsi dalla sua sede. Bisogna procedere con pazienza, senza fare movimenti troppo forti e veloci che rischierebbero di rovinare altre parti del meccanismo. Procedere in questo modo fino a quando il cilindro non si sfila del tutto.

Leggi anche: Porta blindata chiusa con chiave dentro: la soluzione per aprirla

Cilindro nuovo: come misurarlo e introdurlo nella serratura

Quando il cilindro è tolto è possibile prenderne correttamente le misure, in modo da assicurarsi che quello nuovo sia perfettamente uguale sia nella forma che nelle dimensioni. In alternativa, è anche possibile recarsi in ferramenta con il cilindro stesso, per evitare di sbagliare nella misurazione. Solo se il cilindro è perfettamente identico sarà possibile la sostituzione.

Come inserire il nuovo cilindro europeo

Bisogna innanzitutto togliere dal cilindro vecchio il cavallotto di fissaggio e montarlo su quello nuovo, facendo però attenzione al verso in cui va messo. Poi si svolgono al contrario i passaggi precedenti:

  • inserire la chiave nel nuovo cilindro e procedere a inserirlo, spingendo lentamente, nel vano lasciato vuoto precedentemente. Come prima, se è presente un nottolino antisfilamento, sarà necessario ruotare la chiave all’interno del cilindro fino a quando il meccanismo non sarà allineato correttamente. Solo a questo punto il cilindro riuscirà a entrare nella sua sede di alloggiamento;
  • se la serratura risulta poi posizionata in modo corretto, bisogna controllare che, girando la chiave, il meccanismo permetta senza difficoltà di muovere lo scrocco e il catenaccio. È consigliabile fare questa prova per diverse volte di seguito, in modo da essere certi che il meccanismo sia allineato e che non vi siano problemi nella chiusura della porta;
  • se tutto funziona, bisogna quindi inserire e avvitare nuovamente la vite di fissaggio dove era inizialmente.
  • procedere poi alle sistemazioni finali riavvitando la mostrina alla porta, oltre che la maniglia e/o il pomello.

E il gioco è fatto.