L’uso del Minoxidil contro la caduta dei capelli

La caduta dei capelli è un problema che affligge tantissime persone. Questa situazione preoccupa soprattutto gli uomini, i piú colpiti per la struttura ormonale, ma ne soffrono anche le donne.

La cosa normale è che perdiamo dai 50 ai 100 capelli al giorno, anche se ci sono stagioni in cui la caduta è maggiore, soprattutto in estate e in autunno. La preoccupazione nasce quando notiamo che la perdita è anomala, la densità dei capelli è diminuita e osserviamo zone più chiare sulla testa.

Per combattere la caduta ci sono soluzioni para farmaceutiche come il Bioscalin (vedi in proposito questo articolo per comprenderne la sua efficacia), il Forcapil, ma si tratta di integratori alimentari che non risolvono il problema.

Piú efficace è il Minoxidil. Si tratta di un trattamento che stimola la crescita dei capelli e arresta la caduta aumentando la densità degli stessi, ispessendoli e allungando la fase di crescita. È arricchito sotto forma di una soluzione idroalcolica , che viene utilizzata nei casi di alopecia negli uomini e nelle donne .

Il minoxidil agisce come un potente vasodilatatore periferico che produce un aumento significativo del flusso sanguigno nelle aree trattate. È stato dimostrato che il suo uso prolungato provoca un aumento del diametro del follicolo e del fusto del pelo. Ciò non è dovuto alla vasodilatazione in sé, ma al fatto che nell’uso del Minoxidil per capelli si prolunga la sopravvivenza dei cheratinociti e si stimola la riproduzione dei bulbi piliferi .

Ci sono vari fattori che determinano quella che è definita “alopecia“. Ad esempio la genetica, l’invecchiamento, problemi ormonali, cattiva alimentazione, ereditarietà, ecc.

L’alopecia è una perdita di capelli anormale , può essere temporanea o permanente. I sintomi più comuni sono la perdita di più di 100 capelli al giorno e l’indebolimento . Esistono molti tipi di alopecia che hanno cause e si manifestano in modo diverso in ogni persona.

Può essere causata da diversi fattori, dall’eredità genetica a malattie o farmaci. È un problema più comune tra gli uomini, ma anche le donne possono soffrirne.

È importante sapere innanzitutto che l’alopecia può essere classificata:

  • A seconda che la causa sia primaria o secondaria a qualcosa
  • Secondo l’aspetto: congenito o acquisito
  • A seconda della distribuzione: localizzata o diffusa
  • Secondo il tipo istologico: non cicatriziale o cicatriziale

L’ alopecia maschile colpisce il 50% degli uomini, ma questo non significa che si tratti di una caduta totale dei capelli, poiché può essere anche irregolare, addirittura reversibile in alcuni casi.

Il maschio androgenico e il telogen effluvium sono i più comuni, tuttavia, alcune delle tipiche alopecie nelle donne cominciano ad avere una presenza negli uomini. Ad esempio, l’alopecia da trazione dovuta all’uso regolare di treccine, dreadlocks o all’uso regolare di accessori come berretti e cappelli.

L ‘Alopecia androgenetica maschile è la più frequente tra gli uomini, tanto da interessare il 45% e i fattori possono essere diversi. Come regola generale, gli uomini che ne soffrono hanno un parente diretto che ne ha sofferto anche lui, con la genetica come fattore determinante. I follicoli geneticamente predisposti sono miniaturizzati a causa del danno androgeno ormonale.

L’ alopecia androgenetica maschile può essere misurata secondo la scala Hamilton-Norwood , che è suddivisa in sette stadi che aumentano progressivamente nelle zone interessate dalla caduta dei capelli. È importante iniziare il trattamento nelle prime fasi per ottenere un risultato migliore.

Telogen Effluvium negli uomini: Questo tipo di alopecia maschile è abbastanza simile a quella femminile, che vedremo più avanti. A volte viene confuso con gli androgeni, ma sebbene siano simili non sono la stessa cosa. Le cause del Telogen Effluvium affinché gli uomini ne soffrano possono essere, ad esempio, dovute a interventi chirurgici, eczemi sul cuoio capelluto, febbre alta, stress emotivo o diete drastiche.

Alopecia femminile: L’alopecia si verifica anche nelle donne , sebbene in una percentuale inferiore della popolazione. Ciò influisce sull’autostima, poiché la pressione sociale per mantenere un’estetica comune è elevata. Lo schema della caduta dei capelli è lo stesso degli uomini, così come i fattori che lo causano. Ma non è sempre la sua manifestazione, il modello diffuso è il più frequente nelle donne. È possibile distinguere tra tre tipi di alopecia femminile.