La fossa biologica Imhoff è un tipo di impianto di trattamento delle acque reflue domestiche. Prende il nome da Karl Imhoff, un ingegnere tedesco che ne sviluppò il concetto nel 1906. Una fossa biologica Imhoff circolare o rettangolare, è costituita da due camere separate, una superiore e una inferiore, che sono collegate da un collo di bottiglia. La camera superiore è utilizzata per la sedimentazione primaria, mentre la camera inferiore svolge una funzione di digestione biologica.

Ecco come funziona il processo:

  • Sedimentazione primaria: Le acque reflue provenienti da una casa o da un edificio vengono convogliate nella camera superiore della fossa biologica Imhoff. In questa camera, i solidi sospesi più pesanti si depositano sul fondo per gravità, formando uno strato di sedimenti. Gli oli e i grassi leggeri galleggiano sulla superficie e formano uno strato di scum.
  • Digestione biologica: L’acqua parzialmente trattata dal processo di sedimentazione primaria fluisce attraverso il collo di bottiglia nella camera inferiore. Questa camera funge da reattore anaerobico, in cui avviene la digestione biologica. I batteri anaerobici presenti nel fango sedimentato decompongono la materia organica rimanente, convertendola in prodotti stabili come gas metano, biossido di carbonio e sedimenti inerti.
  • Immagazzinamento del fango: Il fango sedimentato nella fossa biologica Imhoff viene immagazzinato nella camera inferiore per un periodo di circa 30-40 giorno. Poiché il processo di digestione riduce significativamente il volume dei solidi, il fango deve essere rimosso periodicamente per evitare un accumulo eccessivo.
  • Scarico dell’acqua trattata: L’acqua trattata, priva della maggior parte dei solidi sospesi e dei contaminanti organici, viene scaricata dalla parte inferiore della camera inferiore. Questa acqua può essere indirizzata verso un sistema di dispersione nel terreno, come un campo di drenaggio o un pozzo assorbente, per consentire l’assorbimento e la filtrazione ulteriore nel terreno.

È importante notare che una fossa biologica Imhoff non fornisce un trattamento completo delle acque reflue. Può ridurre la quantità di solidi sospesi e di contaminanti organici, ma non elimina completamente i patogeni o gli inquinanti chimici. Pertanto, in alcune giurisdizioni, è necessario un trattamento aggiuntivo, come una fossa settica o un impianto di depurazione delle acque reflue, prima che le acque trattate possano essere scaricate nell’ambiente o riutilizzate in modo sicuro.

Perchè la fosso biologica Imhoff è migliore

Le fosse biologiche Imhoff rappresentano un miglioramento rispetto alle normali fosse settiche per diversi motivi:

  • Eliminazione del contatto tra flusso dei rifiuti e fango di digestione: Nelle fosse biologiche Imhoff, il fango di digestione anaerobica viene separato dal flusso di acque reflue nella camera superiore. Questo riduce il contatto diretto tra i rifiuti e il fango, consentendo una migliore gestione dei solidi e una riduzione dei potenziali odori sgradevoli.
  • Riduzione del periodo di attesa nel compartimento di decantazione primario: La camera superiore delle fosse biologiche Imhoff funge da compartimento di decantazione primario. La forma e la struttura della fossa Imhoff favoriscono una separazione più efficiente dei solidi sospesi dalle acque reflue. Questo riduce il tempo necessario per la sedimentazione primaria rispetto alle normali fosse settiche, accelerando il processo di trattamento delle acque reflue.
  • Sfiato dei gas: Le fosse biologiche Imhoff sono progettate per consentire la fuoriuscita dei gas prodotti durante il processo di digestione anaerobica. I gas, come il metano e il biossido di carbonio, possono accumularsi nel fango di digestione e causare pressioni indesiderate. La presenza di un sistema di sfiato consente di rilasciare i gas in modo controllato, riducendo il rischio di danni strutturali alla fossa e garantendo una gestione adeguata dei gas prodotti.

Le fosse biologiche Imhoff sono quindi considerate un’evoluzione delle fosse settiche tradizionali, offrendo vantaggi in termini di gestione dei solidi, velocità di trattamento e sfiato dei gas.

Manutenzione fossa Imhoff

La manutenzione periodica e la pulizia delle fosse biologiche Imhoff sono fondamentali per garantire il loro corretto funzionamento. Ecco alcuni punti importanti relativi alla manutenzione e alla bonifica delle fosse biologiche:

  • Svuotamento regolare: È consigliabile svuotare la fossa biologica almeno una volta all’anno o secondo le raccomandazioni del fabbricante o delle autorità competenti. Durante questa operazione, il fango di digestione accumulato nella fossa viene rimosso utilizzando un camion vuoto-fossa specializzato. Questo processo aiuta a mantenere la capacità di trattamento della fossa biologica e previene il rischio di un accumulo eccessivo di solidi che potrebbe ostacolare il corretto funzionamento.
  • Pulizia della fossa biologica: Durante lo svuotamento, è opportuno pulire l’interno della fossa biologica per rimuovere eventuali depositi o residui che potrebbero compromettere il funzionamento. Questa pulizia può includere il lavaggio delle pareti e del fondo della fossa per garantire una superficie pulita e priva di ostruzioni.
  • Monitoraggio e manutenzione regolare: È importante effettuare un monitoraggio periodico della fossa biologica per rilevare eventuali problemi o malfunzionamenti. Ciò può includere il controllo dei livelli di fango, il monitoraggio delle condizioni dei tubi di ingresso e uscita, nonché l’ispezione dei dispositivi di sfiato e di eventuali filtri presenti. Eventuali guasti o malfunzionamenti devono essere affrontati tempestivamente per mantenere l’efficienza del sistema.
  • Bonifica finale: Alla fine della vita utile di una fossa biologica Imhoff, è necessario procedere alla bonifica e al trattamento adeguato della fossa stessa. Questo potrebbe richiedere la rimozione completa della fossa, la pulizia e la bonifica del terreno circostante, seguendo le normative locali in materia di smaltimento dei rifiuti e di bonifica del suolo.

È importante consultare le normative e le disposizioni locali per conoscere le specifiche procedure di manutenzione e bonifica delle fosse biologiche Imhoff nella tua area.

Inoltre, è sempre consigliabile rivolgersi a professionisti o aziende specializzate nel campo per eseguire correttamente le operazioni di svuotamento e smaltimento liquami, pulizia e bonifica delle fosse biologiche, facendo riferimento alle aziende iscritte all’Albo Gestori Ambientali Sardegna, Sicilia, Lazio, Lombardia, Liguria ecc.

Quanto costa svuotare una fossa Imhoff?

Il costo per svuotare una fossa biologica Imhoff può variare in base a diversi fattori, tra cui la dimensione della fossa, la sua capacità, la regione in cui ti trovi e il fornitore di servizi che scegli. In generale, il costo dello svuotamento di una fossa biologica Imhoff dipende dalla quantità di fango di digestione che deve essere rimossa.

I fornitori di servizi di vuoto-fossa spesso calcolano il prezzo in base al volume di fango rimosso, misurato in metri cubi o litri. Tuttavia, per darti un’idea approssimativa, il costo dello svuotamento di una fossa biologica Imhoff può variare solitamente da qualche centinaia a qualche migliaio di euro, a seconda dei fattori sopra menzionati.

Ti consiglio di ottenere preventivi da diversi fornitori di servizi locali per avere un’idea più precisa del costo specifico nella tua area. Per esempio guarda i prezzi di una fossa imhoff a Roma. Ricorda che è importante considerare non solo il prezzo, ma anche la reputazione e l’affidabilità del fornitore di servizi. Assicurati di scegliere un’azienda o un professionista qualificato, che operi nel rispetto delle normative locali e fornisca un servizio completo e professionale.

Di Alessandro Garoffi

Scrivo un blog sulle mie cose preferite e condivido i piccoli momenti della mia vita che mi rendono felice. La vita è troppo breve per non divertirsi.