Storia dei balli latino americani  

I balli latino americani fanno parte di una categoria particolare rispetto alla danza classica, il modern o l'hip hop. Sono delle danze nate nel diciannovesimo secolo e che si sono imposte nel ventesimo secolo in molti paesi sia americani che europei.

Le origini dei balli latino americani

Se partiamo dalle radici possiamo individuare Cuba come possibile fulcro per lo sviluppo di determinati balli,e questo grazie al clima culturale particolarmente vivace nel 1800.

Un evento centrale dà la possibilità agli schiavi di stabilire dei consigli e poter così portare avanti le loro tradizioni. Il primo ballo embrionale fu il danzon da cui poi si sono sviluppati balli come il Cha cha cha, la salsa e il mambo. E nella prima metà del 900 si delineano le linee stilistiche di questi balli che diventano di coppia e una volta che i passi di danza si sono uniformati vengono riconosciuti dalla World Dancesport Federation.

La Rumba

È un ballo proveniente dall'area cubana che nasce dopo l'abolizione della schiavitù nel 1878. La Rumba inizialmente non indicava un singolo ballo ma un genere musicale che includeva diversi balli. Quello che lo contraddistingue è il movimento sensuale del bacino e dei fianchi. Questo movimento "il rumbeare" è caratteristico di molti balli sia latini che caraibici.

La Rumba è una sorta di danza dove si sovrappongono due anime una romantica che viene espressa con movimenti delicati e sensuali mentre l'anima aggressiva è incalzata da ritmi veloci. Inoltre sono rappresentati i giochi d'amore con gli assalti dei maschi che si alternano alle risposte ambigue del genere femminile.

Cha cha cha

Anche in questo caso le origini sono state individuate a Cuba all'inizio del 900 insieme al danzon,il mambo e la Rumba, ma poi si è diffuso in modo massiccio negli Stati Uniti alla fine della seconda guerra mondiale. Il nome non ha un'origine certa ma si potrebbe ipotizzare sia legato ad un suono onomatopeico visto il ritmo incalzante che fa uno,due,tre, quattro.

Potrebbe riprodurre il suono di un sonaglio che veniva agitato sul ritmo che faceva cha cha più pausa. Ma fu nel 1948 con Enrique Jorrin che si concretizza il ritmo sincopato in 4/4 , con una libera rielaborazione dei primitivi balli latino americani.

Samba

Il samba è un ballo che deriva dalle musiche religiose del Brasile,un ballo rituale con un ritmo incalzante e molto veloce e col tempo sono stati inseriti dei movimenti coreografici con un rallentamento del movimento per renderla più fluida. Questo ballo per la sua energia è stato associato al carnevale e dal 1920 a Rio de Janeiro le scuole insegnano la Samba per le sfilate,anche come ballo singolo e non solo in coppia. In Europa si diffonde intorno al 1940 per poi essere inserito nelle danze da competizione con il suo caratteristico movimento detto samba bounce action.

Jive

Il jive è un ballo di origine afroamericana detto anche lindy hop,che si è sviluppato in America ed è particolarmente veloce con un ritmo frenetico composto da otto passi dal carattere altamente stilistico. Inizialmente veniva eseguito solo da danzatori neri e in seguito all'evoluzione del jazz fu utilizzato come base del rock'n'roll.

Paso doble

 In questo caso la sua creazione è da imputare a ballerini di origine europea e in particolare spagnoli. All'origine si trattava di una base musicale che veniva utilizzata durante le sfilate delle quadriglie durante la corrida. La sua particolarità è la sua potenza e il coinvolgimento tipici del folclore spagnolo Ha una tematica particolare legata all'ambiente della corrida. È quasi una danza teatrale dove la coppia ricrea lo spettacolo della corrida con l'uomo che ricopre il ruolo di torero e la donna che vestirà il ruolo del drappo rosso che avrà l'ingrato compito di attrarre il toro. In confronto alle precedenti danze descritte è più stilistica con movimenti agili e scattanti, dove è necessario un ottimo affiatamento per esprimere abbastanza energia.

Col tempo alcune figure si sono fuse con un altro ballo folcloristico, il flamenco e in particolare il surPlace che si ottiene battendo il tacco a ogni chiusura dei piedi.